Regolamento Tiro Statico

 

Regolamento Tiro Statico 2021

ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA TIRO STATICO

PRESIDENTE

 Lionello D’Aprano

VIA G. Caetani n. 28 – LATINA Tel. 333-5236734

Copyright 2021

 

  1. Principi e obiettivi del tiro statico
  2. Sicurezza e maneggio armi
  3. Esercizi e linea di tiro
  4. Punteggi, Contestazioni e Penalità procedurali
  5. Divisioni e Classi Competizione
  6. Direttore e Giudici di gara
  7. Regole concernenti la buffetteria
  8. Organizzazione gara

 

  1. Principi e obiettivi del tiro statico
  • Il tiro sportivo denominato “ Associazione Tiro Statico “ ha lo scopo di testare la capacità di precisione del tiratore e prevede l’utilizzo di un equipaggiamento di base per poter affrontare gli esercizi di gara in modalità statica.
  • Ai tiratori che partecipano alle competizioni di tiro statico viene chiesto l’utilizzo di armi sicure e di adottare un comportamento che garantisca il rispetto di tutti gli standard tipici delle attività sportive che prevedano l’utilizzo di armi da fuoco.

Obiettivi dell’associazione sono:

  • Promuovere l’informazione sulle norme di sicurezza che regolano l’uso ed il maneggio delle armi da fuoco;
  • Creare una condizione di gara equilibrata ed uguale per tutti i concorrenti in modo da testare la capacità e l’abilità individuale nel tiro di precisione dei tiratori;
  • Offrire uno sport di tiro che permetta ai concorrenti di confrontarsi sullo sviluppo della capacità tecnica nel tiro, nel pieno rispetto della filosofia dell’Associazione Tiro Statico, privilegiando la precisione;
  • Fornire un circuito sportivo ai tiratori per competere secondo le divisioni più appresso

Avviso

 I contenuti diffusi in questa pubblicazione A.T.S. non sono altro che l’illustrazione di uno sport, il Tiro Statico, attività disciplinata da regole, comportamenti e di dotazione di attrezzature molto restrittive ai fini della sicurezza. Tali regole sono nate dall’esperienza diretta sul campo di tiro. Le armi da fuoco sono pericolose, la loro manipolazione deve essere effettuata esclusivamente in un contesto legale e da soggetti abilitati.

 

2. Sicurezza e Maneggio armi

  • Nelle competizioni di “ Tiro Statico “ ogni tiratore è sempre tenuto a rispettare le seguenti regole fondamentali:
  1. Maneggiare ogni arma come se fosse carica;
  2. Non rivolgere mai la volata dell’arma verso qualcosa che non si voglia colpire;
  3. Essere certi del proprio bersaglio e di cosa lo circonda;
  4. Tenere sempre il dito fuori dalla guardia del grilletto fino a quando non si è coscientemente decisi a sparare;
  5. Rispettare le leggi e gli ordinamenti giuridici degli Stati in cui si compete;
  6. Nelle fasi di gara, le armi possono essere caricate solamente a seguito del comando del Giudice Di Gara, impartito solo quando il tiratore si trovi sulla linea di tiro o in zone specificatamente
UN ARMA E’ CONSIDERATA SCARICA SOLO QUANDO È PRIVA DEL CARICATORE, SENZA PROIETTILI IN CAMERA DI CARTUCCIA O NELLA CAMERA DEL TAMBURO E CON IL CARRELLO / TAMBURO APERTO.

  

  • Tutte le operazioni di caricamento / scaricamento dell’arma devono avvenire sotto il controllo del Giudice di Gara;
  • Inizio esercizio con arma corta a 0° (volata in direzione del bersaglio) e solo dopo il bip del Giudice di Gara il tiratore potrà inserire il dito nella guardia del grilletto. I concorrenti possono sostituire il caricatore della loro arma dopo la prima sequenza tenendo l’arma con carrello aperto, con la volata rivolta verso il parapalle di fondo nell’apposito punto d’appoggio;
  • Il concorrente non dovrà MAI tenere il DITO all’interno del ponticello del grilletto durante le seguenti fasi:
    1. Caricamento dell’arma, scaricamento dell’arma, estrazione dell’arma, rinfodero dell’arma;
    2. Manipolazione dell’arma a seguito di inceppamento.
  • Se il Giudice Di Gara vede il concorrente non osservare questa norma, intimerà il comando “ DITO”, dopo l’avvertimento vocale, e se il tiratore persiste nell’errore, sanzionerà il concorrente con una penalità procedurale di -5 (cinque) punti. l’inosservanza del comando o il ripetersi del comportamento nello stesso esercizio comporterà la squalifica;
  • Nelle linee di tiro o nelle panche delle apposite pensiline è severamente vietato il maneggio delle armi a meno che non sia collegato e finalizzato all’espletamento della gara;
  • Tutti i concorrenti devono maneggiare le loro armi con cura e prestare attenzione alla direzione verso cui sono puntate in qualsiasi Durante lo svolgimento della gara, la propria arma deve restare scarica

nella fondina e/o valigetta fino al comando vocale “ CARICATE E STATE PRONTI “, impartito dal Giudice di Gara ;

  • Far cadere un’arma SCARICA (carrello/camera di tamburo aperto caricatore non inserito) non comporta penalità procedurali ma per raccogliere l’arma occorre richiedere l’intervento del Giudice Di Gara. Nel caso il concorrete non osservi questa procedura sarà SQUALIFICATO dalla manifestazione;
Comportamento che determina la squalifica del tiratore :
  • Mettere a rischio un’altra persona;
  • Puntare l’arma fuori dagli angoli di sicurezza : 45° a sx, 45° a dx, 45° in verticale;
  • Puntare un’arma verso se stessi o gli altri;
  • Maneggiare un’arma al di fuori della linea di tiro o dalle specifiche aree di sicurezza;
  • Far cadere un’arma carica ( l’arma è considerata carica quando ha il caricatore inserito e/o il colpo in canna o nella camera di tamburo);
  • Caricare un’arma senza il preciso comando del Giudice Di Gara ;
  • Tenere un comportamento anti-sportivo o aggressivo nei confronti di altri tiratori o del personale ufficiale di gara e organizzazione, ad esempio turbare lo svolgimento della gara o cercare di falsare il risultato con mezzi o azioni antisportive e contrarie alle regole e alla filosofia dell’ T.S.
  • Esplodere un colpo accidentale: si definisce tale, un proiettile che oltrepassi il parapalle di fondo, il parapalle laterale o che venga sparato in una qualsiasi altra direzione che l’organizzazione di Gara abbia indicato come non sicura;
  • Un proiettile che impatti il terreno entro 3 metri dal tiratore;
  • Uno sparo che avvenga durante la preparazione, il caricamento, il ri-caricamento, lo scarico dell’arma o durante la risoluzione di un inceppamento;
  • Uno sparo che avvenga durante il trasferimento dell’arma da una mano all’altra;
  • Fare uso di alcool o droghe o di qualsiasi altra sostanza che alteri il normale equilibrio psicofisico;
  • Rifoderare un’arma carica con il cane armato e senza la sicura inserita;
NOTA: La squalifica di un tiratore deve essere sempre comunicata al Direttore Di Gara che controsigla lo statino dell’esercizio in cui avviene la squalifica.

 

  1. Esercizi e Linee di Tiro

Gli esercizi o stage possono variare di anno in anno alla luce dell’esperienza acquisita sui campi da tiro, rendendo sempre più performante lo sport del tiro statico.

  • Le posizioni di tiro applicate alla disciplina del Tiro Statico sono :
  1. In piedi solo mano forte
  2. In piedi due mani (libero)
  3. Seduti solo per problemi di salute

Gli esercizi sono 4;

  • Tutti i bersagli metallici valgono 5 ( cinque ) punti; se un bersaglio metallico non è colpito, o in caso di un bersaglio da abbattere non abbattuto, il bersaglio viene valutato come un colpo mancato. Se il tiratore colpisce lo stante del bersaglio metallico e ne provoca la caduta dello stesso, sarà considerato come colpo mancato;
  • Se il bersaglio metallico ( piatto ) viene ingaggiato al bordo e il piatto non cade ma si gira, il colpo è considerato valido (bersagli in ferro solo con aste con base di appoggio piatto)
  • I bersagli metallici sono riverniciati dopo ogni sequenza di 5 ( cinque )
  • Le tipologie dei bersagli sono:
  1. Bersaglio carta UITS (sfondo nero e centro ovale bianco)
  2. Bersaglio carta STANDART (sfondo bianco e cerchio nero centrale)
  3. Piattini
  4. Minipopper

 

S T A G E  n° 1

PRIMO ESERCIZIO MT 10 / 10,5

COLPI 5   BERSAGLIO UITS – SECONDI 30 – MANO FORTE – PUNTI 50

COLPI 5   BERSAGLIO STANDARD SECONDI 30 – MANO FORTE – PUNTI 50

COLPI 5  DUE PIATTI cm 12×12 e TRE PIATTI cm 15×15 – SECONDI 30 – LIBERO – PUNTI 25

COLPI MASSIMI 15 – PUNTI TOTALI: 125

LINEA DI TIRO UNICA E POSIZIONE DI TIRO A SCELTA DEL TIRATORE

 

 S T A G E  n° 2

SECONDO ESERCIZIO MT 15 / 15,5 / 16

COLPI 5+5   BERSAGLIO UITS – SECONDI 30+30 – LIBERO – PUNTI 100

COLPI 5   BERSAGLIO STANDARD SECONDI 30 – LIBERO PUNTI 50

COLPI 5  DUE PIATTI cm 12×12 e TRE PIATTI cm 15×15 – SECONDI 30 – LIBERO – PUNTI 25

COLPI MASSIMI 20 – PUNTI TOTALI: 175

LINEA DI TIRO UNICA E POSIZIONE DI TIRO A SCELTA DEL TIRATORE

 

S T A G E  n° 3

TERZO ESERCIZIO MT 20 / 20,5  / 21

COLPI 5 – BERSAGLIO UITS – SECONDI 30 – LIBERO – PUNTI 50

COLPI 5 – BERSAGLIO STANDARD – SECONDI 30 – LIBERO – PUNTI 50

COLPI 5 – BERSAGLIO FERRO MINIPOPPER – SECONDI 30 – LIBERO – PUNTI 25

COLPI MASSIMI 15 – PUNTI TOTALI: 125

LINEA DI TIRO UNICA E POSIZIONE DI TIRO A SCELTA DEL TIRATORE

 

S T A G E  n° 4

QUARTO ESERCIZIO MT 25

COLPI 5+5   BERSAGLIO UITS – SECONDI 35+35 – LIBERO – PUNTI 100

COLPI 5  BERSAGLIO STANDARD – SECONDI 35 – LIBER0 PUNTI 50

COLPI 5  BERSAGLIO FERRO 3 MINIPOPPER – 2 PIATTI cm 15×15 – SECONDI 35 – LIBERO – PUNTI 25

COLPI MASSIMI 20 – PUNTI TOTALI: 175

LINEA DI TIRO UNICA E POSIZIONE DI TIRO A SCELTA DEL TIRATORE

 

  1. Punteggi, Contestazioni e Penalità procedurali
  • Il sistema di punteggio del “ Tiro Statico “ si basa sui punteggi conseguiti in tempi prestabiliti in base alle distanze. Si hanno pertanto delle aree, all’interno dei bersagli, che determinano quanti punti devono essere assegnati;
  • I bersagli cartacei adottati dall’A.T.S. sono la sagoma UITS modificata al centro (area del 10) con colore bianco, sagoma standard con area del 10 di colore nero. Altezza sagome da terra a al centro bersaglio: 130 cm
  • Il bersaglio metallico adottato dall’A.T.S . è un quadrato modello 15×15, modello 12×12 su un piedistallo alto da 80 cm a 120 cm. I bersagli metallici abbattibili, sono distanziati tra loro di 30 cm ed il primo è distanziato dal limite interno della sagoma cartacea a 40 cm;
  • Il vincitore della manifestazione è sempre il tiratore con la sagoma dei punteggi più alti di ogni stage
  • La gara si svolgerà su 4 ( quattro ) esercizi con un totale di 75 colpi massimi e di 600 ( seicento ) punti massimi.

N.B: Al temine dell’esercizio il Giudice di Gara provvederà ad annotare prima sullo statino cartaceo e poi in quello digitale, il punteggio effettivo conseguito, il quale verrà confermato e controfirmato dal tiratore e dal Giudice di Gara.

  • Nel caso in cui il tiratore non ritenga di essere stato arbitrato correttamente, può richiedere l’intervento del Direttore di Gara, prima e non dopo aver preso visione dello statino compilato e controfirmato dal tiratore. Lo statino una volta firmato dal tiratore non potrà più essere modificato e farà fede per la classificazione finale così come sottoscritto;
  • La classifica potrà essere visionata ed eventualmente contestata entro e non oltre un’ora dalla fine della gara, trascorso tale termine il tiratore non potrà sporgere alcun reclamo e tale classifica farà fede per la classificazione finale di campionato;
  • Il tiratore è responsabile dei dati personali indicati nello statino ed eventuale firma difforme a quella personale comporterà l’annullamento immediato ed incontestabile della gara con assegnazione di zero punti nella gara disputata, al fine della classificazione finale di campionato;
  • La penalità procedurale è una penalità negativa di punti che viene sottratta al punteggio effettivo del concorrente per l’esecuzione non corretta di un esercizio o lo stravolgimento di una ben determinata procedura o condotta di gara. Ogni penalità viene scansionata con – 5 ( meno cinque ) punti;
 Gli errori di procedura sono:
  1. Il piede del concorrente tocca il terreno esterno all’area tiro, in questo caso viene applicata una penalità procedurale di -5 punti sul punteggio totale dello stage;
  2. Errata impugnatura della pistola durante l’esecuzione dell’esercizio, usare entrambe le mani quando l’esercizio specifica che i colpi si debbano sparare soltanto con la mano forte o soltanto con la mano debole, viene appiccata una penalità procedurale di -5 punti per ogni colpo sparato;
  3. Inizio anticipato, ovvero lo spostamento dell’arma verso il bersaglio o l’esplosione del colpo sul bersaglio prima del segnale di inizio “BEEP” – “VIA” impartito dal Giudice di Gara che prevede una penalità procedurale di -5 punti sul punteggio totale dello stage;
  4. Nel caso in cui il tiratore ingaggia il bersaglio con più colpi previsti dal regolamento riportati sullo STATINO di gara, sarà applicata una penalità che prevede l’annullamento del migliore punteggio per ogni colpo sparato oltre il limite consentito;
  5. Nel caso in cui il tiratore rifornisce il caricatore con colpi meno del limite massimo previsto dal regolamento, sarà applicata una penalità di -10 punti per ogni colpo mancante .
  6. Il tiratore che inverte l’ordine di ingaggio dei bersagli cartacei verrà penalizzato di 5 punti

Nota: Al tiratore che per una qualsiasi causa imputabile a lui o alla sua attrezzatura (es. rottura arma, inceppamento) non fosse in grado di terminare l’esercizio nei tempi stabiliti, verrà fermato il tempo, il tiratore potrà risolvere il problema assistito dal Direttore di Gara, ed una volta pronto, il Giudice di Gara gli farà recuperare il/i colpo/i mancante/i. Nel caso di rottura dell’arma il tiratore ha la facoltà di continuare la gara dal punto in cui è stata sospesa, con un arma identica per modello e calibro a quella usata nello svolgimento della gara. Il Giudice di Gara dovrà accertarsi del punteggio sino al momento del problema del tiratore, le modalità e i tempi di esecuzione della procedura del ripristino sono determinati nel tempo massimo previsto dallo Stage espresso in secondi, diviso il numero dei colpi massimi previsti, e il risultato ottenuto in secondi sarà moltiplicato per ogni colpo mancante.

5.     Divisioni e Classi di Competizione

  • Per le competizioni di Tiro statico sono previste sette divisioni separate tra di loro e individuate in base alla tipologia di arma utilizzata, aventi come scopo quello di far gareggiare in modo paritario i tiratori :
    • Categoria Pistola cal.9mm (nominale)-9×21-38sa-38 w.c.-.357 Sig-9×19 ammessi il 7,65 Br. e 7,65 Para
    • Categoria Pistola cal. 10mm (nominale) – 40sw – 10 Auto
    • Categoria Pistola cal. 45mm ACP/HP
    • Categoria Pistola cal. .22 (Short-Long-Long Rifle)
    • Categoria Rivoltella cal. .38 Special – .357 Magnum-9×21 – .44 Magnum – .44 Special
    • Categoria Rivoltella cal. 22 (Short-Long-Long Rifle)
    • Optics – Open
  • Le armi sopra indicate possono essere di serie, sportive, o per la difesa, con scatto in singola, mista o doppia azione. La lunghezza della canna non deve eccedere i 6 pollici;
  • Sono espressamente vietate tutte le modifiche che disattivino totalmente o parzialmente i dispositivi di sicurezza manuali o automatici presenti sull’arma al momento della sua produzione. Tutti i dispositivi di sicurezza sull’arma devono funzionare come da progettazione
  • Nota: le pistole cal.22 dotate di caricatore posto dopo il ponticello del grilletto e/o con grilletto elettronico devono obbligatoriamente essere riposte sul piano di appoggio di sicurezza individuato dal Giudice di Gara ed attenersi ad ogni suo comando di sicurezza e di gara. Il non rispettare tali obblighi da parte del tiratore ne prevederà la squalifica.

 

  • I concorrenti del Tiro statico per ogni divisione sono suddivisi in quattro classi di merito, all’interno del loro gruppo di divisione, secondo il livello di capacità. Ciò per consentire a tutti i tiratori di essere in grado di competere con il loro

 

Classi di Merito:

  • Da 000 Punti a 500 Punti———————- Novice
  • Da 501 Punti a 540 Punti———————- Expert
  • Da 541 Punti a 570 Punti———————- Master
  • Da 571 Punti a 600 Punti———————- Elite

 

Prova Cronografo:

  • Calibro .45 fattore 130
  • Calibro .40 fattore 150
  • Calibro 9×21 fattore 115
  • Revolver fattore 100
  • Optics / Open libero

 

  • I tiratori assenti dal Campionato da più di cinque anni saranno riammessi ripartendo dalla categoria Novice;
  • Al termine del Campionato Italiano e comunque prima dell’inizio del campionato successivo, i tiratori vengono riclassificati in base ai risultati ottenuti durante la precedente stagione sportiva, utilizzando come riferimento un numero di gare stabilite di anno in anno dal Consiglio
  • Gli agonisti mantengono la categoria di appartenenza una volta raggiunta
  • I Senior e i Supersenior mantengono la categoria di appartenenza.
  1. Direttore e Giudici di Gara
  • Lo scopo principale delle regole del Tiro Statico è la condotta in sicurezza ed il piacere nel partecipare alle gare. Le mansioni degli Ufficiali di gara sono quelle di assistere il concorrente in modo che possa eseguire gli esercizi in totale sicurezza e con il maggior divertimento possibile, sempre nel rispetto della filosofia di questo

Il Direttore di Gara è responsabile :

  • Della sicurezza delle svolgimento della gara;
  • Della direzione e dell’amministrazione della gara ;
  • Della realizzazione degli esercizi di gara ;
  • Delle decisioni in materia di disciplina e condotta Giudici di gara e tiratori;
  • Della formazione e corsi Giudici di gara;
  • Della scelta dei Giudici di gara per ogni manifestazione;
  • Del controllo e della pubblicazione delle classifiche;

 

Nota: il giudizio del Direttore di gara è insindacabile

Saranno poste all’attenzione del giudice di gara tutte le controversie che richiedano un arbitrato superiore e tutte quelle funzioni previste dal regolamento. In caso di particolari eventi, il Direttore di gara può delegare alcune delle proprie funzioni ad un vice e o Giudice di gara, indicati prima della manifestazione. Per gare ufficiali di Campionato Italiano il Direttore di gara deve possedere almeno la qualifica di Giudice di gara Nazionale e o Istruttore.

Giudice di gara :
  • Sono responsabili della condotta e del comportamento dei tiratori all’interno del perimetro a loro assegnato
  • Sono responsabili delle attrezzature e del corretto funzionamento delle stesse nello stage loro assegnato
  • Sono responsabili della documentazione compilata (statino cartaceo e/o digitale ) e del relativo punteggio assegnato al
I Giudici di gara sono divisi in due categorie :
  • Giudice di club che arbitrano solo eventi di club
  • Giudice Nazionale che possono arbitrare sino a gare di Campionato Nazional

7. Regole concernenti la buffetteria

Fondine e Porta caricatori

Tutto l’equipaggiamento usato nelle gare di Tiro statico deve rispettare il seguente principio, essere pratico e comodo. E’ consigliabile l’uso di una fondina da fianco e di almeno due porta caricatori e/o due lunette/ speedloaders per le pistole revolver. Tutta la buffetteria deve essere indossata su cinta.

E’ fatto divieto di abbigliamento e buffetteria militare.

Per motivi di sicurezza le fondine “ inside “ (fondine poste all’interno dei pantaloni) non sono ammesse !

 

  1. Organizzazione gara :
  2. Concorrenti
  3. Direttore, Giudici e Assistenti gara
  4. Staff amministrativo e tecnico
  5. Area di gara ( Stage )
  6. Premiazione

A. Concorrenti

  • I concorrenti devono aver preso visione del regolamento. Tale regolamento si ritiene approvato dal tiratore con l’iscrizione alla singola competizione;
  • I concorrenti per poter partecipare alla singola competizione devono effettuare l’iscrizione online sul sitoassociazionetirostatico.it , entro e non oltre il mercoledì ore 21 antecedente la data della competizione; non saranno accettate iscrizioni successive tale data. soci tiratori devono recarsi in segreteria per l’accredito gara ed esibire la tessera associativa A.T.S.
  • I soci tiratori sono invitati a partecipare alla competizione rispettando i seguenti orari :
Sabato mattina ore 10.30-14.00 pomeriggio 14.30- 17.00

Domenica mattina ore 9.00 – 13.30

Stop gara Domenica ore 13.30 ; saranno ritenuti validi e accettati esclusivamente i risultati fino a tale ora conseguiti

Elaborazione classifica, pausa pranzo e premiazione

La classifica potrà essere contestata entro 1 ora dalla pubblicazione; dopo di ché sarà ritenuta definitiva e idonea alla classificazione campionato

  • I concorrenti che intendono gareggiare con un minimo di 3 calibri per singola competizione potranno iniziare la gara nella giornata del venerdì pomeriggio con orario 14.00 – 00;
  • I tiratori come da regolamento campo devono indossare cuffie e occhiali in tutta l’area del campo di tiro;

Nota : In caso il tiratore non rispetti i termini per l’iscrizione e chiederà di iscriversi sul campo, potrà farlo con la maggiorazione di una “ Multa Benefica “. La quota in aggiunta da versare è del valore di 5 Euro. Il denaro raccolto verrà utilizzato a fine anno per iniziative benefiche dedicate ai bambini.

  • I concorrenti devono essere sempre consapevoli della direzione della “ volata “ della loro arma e devono tenere tassativamente il “ dito” al di fuori del ponticello del grilletto, quando non stanno ingaggiando i bersagli;
  • Le pistole devono essere sempre mantenute scariche e possono essere caricate soltanto sulla linea di tiro sotto la direzione del Giudice di gara;
  • Al termine di ogni sessione di tiro, sotto la supervisione del Giudice di gara, il tiratore dovrà scaricare l’arma secondo le modalità previste nel rispetto della sicurezza. ( Art.2 regolamento T.S.);
  • Durante il caricamento, lo scaricamento, l’estrazione ed il riposizionamento dell’arma in fondina, mentre il tiratore si trova in movimento o durante la risoluzione di un inceppamento o malfunzionamento, il “ dito” NON dovrà mai essere posto all’interno del ponticello/guardia del grilletto. Un’errata esecuzione comporta una penalità procedurale. Due violazioni di questa regola nello stesso esercizio ne comporta la squalifica.
  • Durante una competizione i tiratori che non sono designati dal Giudice di gara nello svolgere l’esercizio, devono astenersi dal maneggiare le loro o le altrui armi se non posti nelle aree appositamente designate sicure, “ FUMBLE ZONE – SAFETY AREA – ZONA SICUREZZA “. I caricatori e i carichini per revolver possono essere riempiti mentre il concorrente si trova al di fuori della linea di tiro ma non nell’area di sicurezza dove NON si possono maneggiare munizioni. Al di fuori delle linee di tiro le pistole devono essere tenute in fondina/valigetta scariche, con il cane abbassato e senza caricatore inserito;
  • Per tutta la durata della gara il tiratore dovrà utilizzare la stessa arma, gli è permesso di cambiare arma qualora l’arma con cui ha iniziato diventi inefficiente nel corso della gara (rotture o malfunzionamenti), purché appartenenti alla stessa divisione di inizio gara. Il tiratore riprenderà la gara dall’esercizio successivo poiché gli esercizi precedenti non possono essere ripetuti;
  • In caso di inceppamento, il tiratore può risolvere l’inceppamento in sicurezza e quindi riprendere a sparare, sempre che il tutto avvenga nel tempo limite imposto dall’esercizio;
  • Nessun tiratore può usare 2 (due ) armi nello stesso esercizio a meno che ciò non sia espressamente stabilito nel Briefing;
  • Tutte le armi possono partire direttamente con il cane armato;
  • I tiri hanno inizio con la pistola a 0° in verticale, in condizione di “pronto” a parte specifiche variazioni poste dal Giudice di gara;
  • Una volta accertato il comando “pronti” e ricevuto il comando “In Attesa” il tiratore non dovrà muoversi, spostare la mano verso l’alto, dalla posizione di “Pronti” prima del segnale acustico di partenza, in caso contrario riceverà la penalità procedurale di -5 punti;
  • Nelle fasi relative al tempo fisso predefinito se un tiratore spara dopo il segnale acustico “BEEP” e dopo il comando vocale del Giudice di Gara di “STOP” viene penalizzato per ogni colpo sparato oltre il limite temporale dato dal segnale acustico “BEEP” stabilito in +0.99 secondi sottraendo il miglior punteggio per ogni colpo in eccesso;
  • Non è consentito ripetere un esercizio in caso di malfunzionamento della pistola o per errata esecuzione. E’ invece consentito ripetere l’esercizio a causa di :
  • Un malfunzionamento delle strutture;
  • Impossibilità di determinare il giusto punteggio;
  • Quando per cause impreviste vengono a mancare i requisiti per una sicura continuazione dell’esercizio.
  • A fine gara, in caso di parità, si procede ad uno spareggio, vince il tiratore che ha totalizzato più punti nell’esercizio precedente e così via fino al primo esercizio; qualora la parità persista sarà compito del Direttore di gara prevedere un esercizio per lo spareggio.
Note: Durante tutto lo svolgimento della competizione il tiratore NON potrà bonificare          ( raccolta bossoli ) gli stage

 

  1. Direttore, Giudici e Assistenti di gara

Il Direttore di gara sulla base del regolamento qui presente e dello statuto A.T.S., nella responsabilità dell’incarico assegnatogli dall’Associazione Tiro Statico, è tenuto ad attenersi con imparzialità, rigore e precisione solo ed esclusivamente a quanto previsto dal regolamento. Nessun socio ordinario o facente capo al consiglio direttivo può contestare quanto da lui disposto nell’esercizio della sua funzione.

Conferita la nomina il Direttore di gara:

  • Sottoscrive l’impegno per l’intera stagione agonistica;
  • Sottoscrive il regolamento;
  • Organizza corsi di formazione per gli arbitri;
  • Seleziona le candidature degli arbitri per la stagione agonistica;
  • Termina la gara entro l’ora stabilita dal regolamento;
Direttore di Gara è responsabile :
  • Della sicurezza delle svolgimento della gara;
  • Della direzione e dell’amministrazione della gara ;
  • Della realizzazione degli esercizi di gara ;
  • Delle decisioni in materia di disciplina e condotta Giudici di gara e tiratori;
  • Della formazione e corsi Giudici di gara;
  • Della scelta dei giudici di gara per ogni manifestazione;
  • Del controllo e della pubblicazione delle classifiche;

Le armi usate in una competizione A.T.S. devono essere efficienti, pratiche e sicure; qualora si riscontri che un arma non attenga a tali requisiti verrà ritirata su richiesta del Direttore di gar

Nota : il giudizio del Direttore di gara è insindacabile

I Giudici di gara certificano la regolarità della competizione e sottoscrivono i punteggi conseguiti dagli agonisti. La qualifica di Giudice si acquisisce partecipando al corso di formazione organizzato dall’A.T.S. , supervisionato dal Presidente e dal Direttore di gara con il superamento di una prova teorica e pratica. La certificazione di “Giudice  di Gara“ ha valenza annuale. Per il rinnovo di tale certificazione è necessario oltre al corso di aggiornamento, aver arbitrato minimo 2 competizioni stagionali di Tiro Statico. I Giudici certificati dall’Associazione Tiro Statico potranno vantare tale qualifica solo nelle iniziative organizzate dal medesimo ente; Non sono pertanto autorizzati ad arbitrare competizioni al di fuori dell’Associazione Tiro Statico, pena la decadenza del titolo.

  • Sono responsabili della condotta e del comportamento dei tiratori all’interno del perimetro a loro assegnato
  • Sono responsabili delle attrezzature e del corretto funzionamento delle stesse nello stage loro assegnato
  • Sono responsabili della documentazione compilata ( statino cartaceo e/o digitale ) e del relativo punteggio assegnato al tiratore
Il Giudice di gara per svolgere tale ruolo deve:
  • Essere in possesso della certificazione annuale;
  • Essere in possesso di porto d’armi in corso di validità;
  • Presentare la candidatura per la stagione agonistica;
  • Presentare certificato medico sportivo;
  • Acquistare la divisa ;
  • Essere in possesso di Pro-Timer;

ATTENZIONE: Il Giudice di gara assegnato ad un determinato Stage DEVE verificare il corretto funzionamento delle attrezzature presenti nell’area a lui assegnata. In caso rilevasse malfunzionamento deve informare il Direttore di  gara che farà intervenire il Responsabile tecnico.

Comandi Giudice di gara:
  • Benvenuto, Mi presento sono … e questo è il mio assistente … ,briefing dello Stage
  • Far scendere nell’area di gara solo i tiratori chiamati alla prova
  • Impartire i comandi :
    • Caricare l’arma e posizionarla a 0° in elevazione con DITO visibilmente FUORI DAL PONTICELLO
    • In Attesa ! ( attendere il segnale acustico BEEP )
    • Segnale di start acustico Beep seguito dal segnale vocale “VIA” dato dal Giudice di gara
    • Segnale di stop acustico Beep seguito dal segnale vocale “STOP” dato dal Giudice di gara

(il tiratore dovrà immediatamente cessare di sparare e rimanere fermo con l’arma puntata contro il parapalle di fondo in attesa di ulteriori istruzioni da parte del Giudice di gara)

  • Hai finito ?
  • Scarica e mostrami l’arma scarica con carrello/ tamburo aperto

(Il Giudice di gara verificherà che l’arma è scarica dopo aver verificato che la camera di cartuccia/ tamburo sia vuota/o )

  • Chiudi l’arma e abbatti il cane azionando direttamente il grilletto con l’arma puntata verso il parapalle in
  • Metti l’arma in fondina o in valigetta (nella valigetta l’arma deve essere posizionata con carrello/tamburo aperto)
  • La linea di tiro è libera e sicura
  • Invitare il tiratore a seguire la verbalizzazione del punteggio conseguito e a CONTROLLARE SOLTANTO IL PROPRIO
  • Verbalizza il risultato sullo statino cartaceo SCRIVENDO IN MODO CHIARO E
  • Firma del Giudice di Gara in stampatello e firma
  • Firma dell’agonista
  • “Ripristina lo stage “ (il tiratore a seguito di tale comando deve ripristinare lo stage nella condizione iniziale da lui trovata), con particolare attenzione nel riverniciare le aree di ingaggio dei bersagli in metallo
  • Trasferimento risultato dal cartaceo al digitale
  • Le sagome NON devono essere toccate dal Giudice con penne o altri strumenti che possano alterare la certezza/garanzia del risultato

NB: Ricordare al tiratore ogni 5 colpi la successiva stringa se presente.

Nota : Il Giudice di gara a fine servizio deve riconsegnare la “ Cartellina “ con il materiale tecnico in segreteria o direttamente al Responsabile Tecnico

Sui bersagli cartacei, se il diametro del foro di un qualsiasi colpo al bersaglio che assegni punti, tocca la linea di demarcazione, delle zone con differente punteggio, il colpo deve essere conteggiato con il punteggio della zona di miglior valore ( valore più alto). Per la corretta determinazione del punteggio il Giudice di gara può avvalersi del calibro comparatore. Se anche dopo questo controllo sul colpo il dubbio permane, viene assegnato il punteggio più vantaggioso per il tiratore.

Se in una serie conteggiata con Tempo Fisso Predefinito, sul bersaglio cartaceo vengono rilevati più colpi in eccesso rispetto a quelli previsti dal punteggio totale, saranno sottratti i colpi con il valore più alto ( colpi migliori ) per ogni colpo in eccesso. Si ha un’unica eccezione quando il Giudice di Gara o il Direttore rilevano che a loro giudizio i colpi  in eccesso siano di un calibro diverso da quello usato dal tiratore

Richiami alla sicurezza :

Premesso che verranno applicate tutte le norme relative ai paragrafi concernenti la sicurezza e penalità esplicate nel sottoscritto regolamento, rammentiamo quanto segue :

Qualsiasi Giudice di gara in servizio all’esercizio potrà impartire i seguenti comandi :

  • Intimare “ DITO ” o “ DITO FUORI ” per violazioni relative al dito tenuto all’interno del ponticello;
  • Intimare “ ANGOLO ” o “ VOLATA ” se il vivo di volata della canna si avvicina ad un punto limite degli angoli di sicurezza prestabiliti;
  • Intimare “ STOP ” se il tiratore commette un grave errore di sicurezza o se si verifica un evento imprevisto che possa compromettere la sicurezza dello svolgimento dell’esercizio;

Nota: Il Giudice di gara che svolgerà servizio la domenica, a termine gara DOVRA’ smontare le attrezzature dello Stage a lui assegnato.

Gli Assistenti di gara

Gli assistenti di gara svolgono un ruolo in supporto al lavoro del Giudice di gara, in particolare:

  • Ritirano gli statini cartacei secondo l’ordine di arrivo dei tiratori per poi consegnarli agli arbitri;
  • Fanno rispettare il silenzio nel rispetto degli agonisti scesi in area gara;
  • Supportano l’arbitro nella certificazione dei punteggi;
  • Sono responsabili della custodia degli statini cartacei ;
  • Consegnano a fine turno di gara gli statini cartacee in segreteria;

Nota : Il Direttore, Giudici e Assistenti di gara dovranno essere presenti sul campo 1 ora prima dell’inizio della competizione

C. Staff Amministrativo e tecnico

Lo staff amministrativo e tecnico si occupa della gestione pratica in merito alle funzioni di segreteria e allestimento materiale degli Stage. Lo Staff amministrativo è coordinato da un Responsabile di segreteria mentre lo staff tecnico è coordinato dal Direttore di gara.

 Nota: Lo staff al completo dovrà essere presente sul campo 1 ora prima dell’inizio della competizione

Il Responsabile amministrativo :
  • E’ responsabile di tutta la gestione amministrativa (iscrizione gara, raccolta dati, gestione classifica, certificazioni, Marketing );
  • Costituisce e coordina lo staff segreteria;
  • Sottoscrive l’impegno per l’intera stagione
Lo Staff Tecnico :
  • Lo staff tecnico si compone da 1/2 persone incaricate di allestire gli stage sotto la supervisione del Direttore di gara;
  • Durante tutta la competizione, intervengono sulle attrezzature in caso di mal funzionamento;
  • Preparano le cartelline per i Giudici di gara con tutto il materiale tecnico;
  • Sono personalmente responsabili di tutte le attrezzature di proprietà dell’Associazione Tiro

Lo staff al completo svolge il proprio servizio gratuitamente ed ha diritto ai fini organizzativi a svolgere la propria gara ( se agonisti ), nella giornata del Venerdì pomeriggio con orario 14-17 antecedente la gara nella quale sono chiamati a svolgere servizio; in alternativa, il sabato e domenica mattina ( giorni gara) un ora prima dell’inizio della competizione. L’arbitraggio dei Giudici di gara è affidato al Direttore di Gara o al Suo Delegato.

D. Area di gara ( Stage )

 L’area di gara prevede l’allestimento di 4 Stage, ad opera del Responsabile tecnico. Gli Stage sono certificati nel rispetto del regolamento e del funzionamento tecnico dal Direttore di gara.

Il Direttore di gara e con esso il Giudice assegnatario di ogni singolo Stage, sono responsabili dell’area allestita, fino al termine della competizione.

Possono accedere all’area Stage esclusivamente gli Agonisti partecipanti alla manifestazione.

E’ fatto obbligo agli astanti nella linea e fuori la linea di mantenere assoluto silenzio durante lo svolgimento della gara.

 

  1. Premiazione

 Le modalità di premio sono lasciate libere all’organizzazione della competizione. I concorrenti del Tiro statico, sono impegnati a sviluppare le proprie capacità nel tiro di precisione e perseguire il prestigio della vittoria. Vengono premiati i migliori agonisti per ogni divisione sia nelle gare di club che nei Campionati Nazionali. Dato che ogni divisione è a se stante, non si possono consegnare trofei cumulativi.

Gare Nazionali:

 Saranno premiati gli agonisti per divisione d’arma con un minimo di 10 agonisti per categoria

1° classificato trofeo

2° / 3° classificato medaglia grande

4°/ 5° classificato medaglia piccola

1° / 2° /3° Lady per divisione e categoria – medaglia piccola

1° / 2° /3° Junior

Contributo volontario 30 Euro ( 1 calibro ) + caffè omaggio Costo per ogni calibro aggiuntivo 20 euro

Staff gara, gara omaggio ( 1 solo calibro )

Campionato Nazionale:

 Per la classificazione i Tiratori dovranno aver partecipato ad almeno 4 gare nazionali e 5 gare, anche per il sorteggio premio di un’arma, che potranno comunque ritirare successivamente anche se non presenti al momento della premiazione. È invece richiesta la presenza dei tiratori per il sorteggio della buffetteria in occasione di gare singole.

Coloro che partecipano per la prima volta al Campionato Italiano di Tiro Statico, entrano in classifica per il primo anno, con la categoria di ingresso denominata “ NOVICE “ .

Per il mantenimento della categoria il tiratore deve confermare almeno in 1 gara il risultato minimo in relazione alla categoria di appartenenza, in caso contrario retrocede a categoria inferiore.

Solo i tiratori che avranno partecipato ad almeno 4 ( quattro) gare nazionali, con il raggiungimento di un punteggio minimo di 250 punti per la categoria Novice, in almeno due competizioni, e per le successive categorie, Expert, Master ed Elite con il punteggio minimo di categoria in almeno due competizioni, avranno accesso alla premiazione e/o titoli di categoria Campionato Nazionale.

Per la premiazione verranno considerati i risultati delle migliori 3 competizioni svolte.

 Saranno Premiati i primi 3 classificati con trofei e 4°, 5° con medaglia per ogni divisione d’arma, quando per la categoria in questione concorrono almeno 10 (dieci) tiratori. Nel caso in cui non si raggiungano i 10 tiratori, ma siano presenti 5 ( cinque ) tiratori per divisione verrà premiato solo il primo classificato.

Qualora al termine della stagione, due o più tiratori abbiano lo stesso identico punteggio, (ottenuto sommando le 4 gare migliori disputate) per designare il vincitore del campionato, si procederà a sommare il punteggio relativo al solo 4° esercizio ( da 25mt.) delle 4 gare prese in considerazione per stilare la graduatoria. Se anche in questo caso dovesse persistere la condizione di parità, si passerà a sommare il punteggio relativo al 3° esercizio e così via, fino ad ottenere un vincitore. Qualora continuasse ad esserci parità si procederà allo spareggio con un esercizio. Il Direttore di gara provvederà a regolamentare l’esercizio dello spareggio.

Il contributo volontario della Finale sarà concordato dal Direttivo dell’Associazione Tiro Statico e prontamente comunicato ai soci.

L’organizzazione si riserva inoltre l’integrazione di premi e riconoscimenti per la finale.

Disposizioni Finali: Il Direttore di gara e il Responsabile di segreteria si riservano deleghe al regolamento in casi eccezionali, con comunicazione diretta e nel rispetto della legge italiana, dei principi cardini su cui si fonda L’Associazione Tiro Statico e nel segno della sana sportività.

L’Associazione si riserva di poter cambiare Campo di Gara in altra località durante il Campionato.

 

Misure anti Covid-19

Tutta la struttura del Poligono di Rocca Massima è stata adeguata alle disposizioni governative circa la sicurezza finalizzata al contenimento pandemico della SARS-CoV-2, mettendo a disposizione tutti i dispositivi indicati dai DPCM della Presidenza del Consiglio dei Ministri.

 

Copyright 2021 – rif.Direttiva UE 2019/790

 

I N D I C E 

Principi e obiettivi Pag. 1
Sicurezza e comportamento dei Tiratori Pag. 2/3
Esercizi Pag. 3/8
Punteggi e procedure Pag. 9/10
Divisioni e Classi di merito Pag. 10/11
Buffetteria Pag. 12
Organizzazione delle gare Pag. 11
Concorrenti, Direttore di Gara e Giudici di Gara Pag. 11/17
Staff Tecnico Pag. 18
Premiazioni Pag. 18/19
Campionato Nazionale Pag. 19
Disposizioni finali Pag. 20
Misure antipandemiche Pag. 20

 

Regolamento Dynamic Challenge

NOZIONI BASE:

L’attribuzione del punteggio e’ molto semplice: il tempo rappresenta il punteggio stesso.

Ci sono cinque bersagli, chiamati comunemente piatti (e piastre). Di essi, quattro sono piatti

primari ed il quinto rappresenta il piatto di arresto (stop-plate). Tutti i bersagli primari devono essere colpiti almeno una volta durante ciascuna stringa, e solo dopo segue lo stop-plate che deve essere colpito per ultimo, per fermare il tempo. I tiratori possono sparare tutti i colpi che ritengono necessari per ciascuna string. Come punteggio totale di ciascuno stage verranno prese in considerazione le migliori 4 stringe su 5. La somma dei punteggi totali di tutti gli esercizi determinerà il piazzamento nella classifica assoluta.

Il tempo massimo per eseguire ciascuna string è di 30 secondi. I colpi sparati dopo tale tempo massimo non verranno presi in considerazione. Raggiunto tale limite, il tiratore verrà fermato e gli verrà richiesto di ricaricare per la string successiva.

Il punteggio (tempo) di ciascuna string individuale viene quantificato nel momento in cui si colpisce lo stop-plate.

Ad ogni MISS (cioe’ ogni bersaglio primario che non e’ stato colpito prima dello stop-plate) verra’ attribuita una penalità di 3 secondi.

Quando un Range Officer dichiara una miss, e’ responsabilita’ del concorrente – al termine di quella data string – decidere se contestarla o no. In tal caso il Range Officer si recherà a verificare da vicino il bersaglio. Se la palla lascia un chiaro segno sul bersaglio, anche solo sul bordo di esso, sara’ conteggiato come colpo valido.

Una volta passati alla string successiva, non sara’ piu’ possibile contestare la chiamata della string precedente. A questo punto la decisione del Range Officer riguardo la chiamata fatta sara’ definitiva.

METODI DI RILEVAZIONE DEL PUNTEGGIO:

Vengono utilizzati i convenzionali timer USPSA/IPSC che rilevano il suono degli spari.

Il tempo totale di esecuzione del concorrente si ferma col rumore dell’esplosione dell’ultimo colpo.

PROCEDURE E PENALITA’:

Saranno attribuiti tre (3) secondi di penalita’ nei seguenti casi:

Anticipare la partenza (muovere le mani verso la pistola), muoversi o sobbalzare prima del segnale di start;

Posizione dei piedi irregolare: (per tale s’intende fare fuoco mentre una qualsiasi parte del corpo – ad es.il piede – tocca il terreno all’esterno dello shooting-box).

Ingaggiare i bersagli sbagliati dallo shooting-box appropriato.

Compiere movimenti scorretti, o non muoversi qualora richiesto.

EQUIPAGGIAMENTO:

CALIBRO DELLE ARMI:

Le armi a percussione centrale devono essere di calibro minimo 9mm./38 special. Le armi a percussione centrale dovranno essere compatibili con l’uso in fondina.

FONDINE:

Le fondine dovranno essere posizionate all’altezza della vita e dovranno ritenere la pistola. Le categorie IDPA devono attenersi al loro regolamento, prevedere l’utilizzo di fondine approvate e posizionate a detta delle norme IDPA. Il grilletto non può essere esposto completamente, con l’eccezione delle fondine Western per i revolver in singola azione.

MUNIZIONI:

Tutte quelle consentite per legge e ricarica personale.

MISCELLANEA:

E’ responsabilita’ dei concorrenti controllare come sono scritti i loro punteggi sui loro statini, cosi’ come firmare gli stessi dopo aver finito di sparare. Qualsiasi domanda riguardante i punteggi riportati sugli statini deve essere rivolta al Range Officer al momento stesso della compilazione. Qualora necessario, potra’ essere convocato anche il Match Director. Tuttavia e’ responsabilita’ del tiratore presentare lo statino giusto presso lo stage, l’evento, e la registrazione (iniziale e successive) appropriata.

Tutti gli shooting-box misureranno 3 x 3 piedi (0,91 x 0,91 mt.)

MOVIMENTI:

Verra’ applicato il regolamento ATS per i colpi sparati in movimento verso il secondo shooting-box, come di seguito ricapitolato:

Se il concorrente spara e lascia il box A, quindi capisce di aver mancato o sbagliato la sequenza d’ingaggio dei bersagli e ritorna nel box A, e da qui continua a sparare, non verra’ assegnata penalita’. Ogni bersaglio colpito nell’ordine sbagliato (da A anziche’ da B) verra’ considerato come una miss, a meno che detti bersagli non vengano re-ingaggiati nell’ordine giusto.

Una volta raggiunto il box B il concorrente potra’ iniziare a fare fuoco quando un piede e’ dentro il box e l’altro e’ anch’esso all’interno del box oppure e’ ancora in aria. Da ricordare: se i bersagli primari sono stati ingaggiati nell’ordine sbagliato (senza poi essere stati re-ingaggiati correttamente) verra’ conteggiata una miss per ciascun bersaglio primario ingaggiato fuori ordine.

Il tiratore non puo’ lasciare il box se non DOPO aver ingaggiato i due bersagli primari. Una volta entrato nel secondo box il concorrente puo’ iniziare a ingaggiare i bersagli quando il secondo piede e’ ancoraper aria.

Quello che costituisce il “dentro” e il “fuori” del box e’ definito nel precedente capitolo PROCEDURE e PENALITA’.

COMANDI DI PARTENZA:

I comandi sul campo saranno i seguenti:

“Make ready ! ” – sotto la diretta supervisione del Range Officer il concorrente deve rivolgersi verso il parapalle frontale e preparare l’arma. Il concorrente deve quindi assumere la posizione di partenza prevista. A questo punto il Range Officer procedera’.

NOTA: il comando “make ready ! ” rappresenta l’inizio del’esercizio. Una volta che detto comando e’ stato impartito il concorrente non deve muoversi al di fuori del punto di partenza senza preventivo consenso, e sotto la diretta supervisione del Range Officer.

Are you ready ? “ – L’ assenza di qualsiasi risposta negativa da parte del concorrente indica che egli ha pienamente compreso quanto richiesto dall’esercizio ed e’ pronto a procedere. Se il tiratore non e’ pronto al comando “are you ready ? ” egli deve dire “not ready ! ”.

Standby ! ” – questo comando deve essere seguito dal comando di start entro un’intervallo di tempo da 1 a 4 secondi.

start-signal” – Se un concorrente non reagisce al segnale di start, per una qualsiasi ragione, il Range Officer confermera’ che il tiratore e’ pronto a iniziare l’esercizio e riprendera’ i comandi di campo a partire da: “are you ready ? ”.

Reload if required and holster ! ” – Questo comando segue il completamento di una delle string che compongono un’esercizio. Sia che il concorrente abbia colpito lo stop-plate, sia che abbia ecceduto il tempo massimo a disposizione.

“Stop ! ” – Ogni Range Officer assegnato a uno stage puo’ impartire questo comando in qualsiasi momento. Il concorrente deve immediatamente sospendere il fuoco, fermarsi, e attendere le ulteriori istruzioni del Range Officer.

If you are finished, unload and show clear ! ” – Questo normalmente avviene dopo aver completato la string finale. Se il concorrente ha finito di sparare, egli deve abbassare la pistola e presentarla al Range Officer per l’ispezione con la volata puntata in direzione del parapalle frontale, il caricatore rimosso, il carrello bloccato (o tenuto) aperto, e la camera di cartuccia vuota. I revolvers devono essere presentati col cilindro aperto e vuoto.

If clear, hammer down., holster ! ” – dopo l’emissione di questo comando, al concorrente e’ proibito sparare. Continuando a puntare l’arma in direzione sicura verso il parapalle frontale, il concorrente deve effettuare un’ultimo controllo di sicurezza dell’arma, come qui di seguito:

POSIZIONE DI PARTENZA NEL MATCH PRINCIPALE:

Le mani devono essere tenute nella posizione “Surrender”, che significa spalle erette, con i polsi e le mani interamente visibili da dietro. Il Range Officer fermera’ il conto alla rovescia e dara’ uno e UN SOLO warning se vedra’ che il concorrente accenna ad abbassarsi, comincia ad anticipare la partenza, o sobbalza. Il mancato rispetto comportera’ una penalita’ di 3 (tre) secondi per ciascuna occorrenza.

REGOLE DI SICUREZZA:

Il campo s’intende sempre “freddo” ! Le armi non saranno mai lasciate cariche, tranne che quando sotto il comando degli Ufficiali di gara. Le semi/automatiche avranno la camera di cartuccia vuota e il caricatore non inserito, e nei revolvers tutti i cilindri del tamburo saranno lasciati vuoti. I Range Officers scorteranno in area di sicurezza chiunque venga trovato in violazione di questa regola, e li’ verra’ loro impartito il comando “unload and show clear ! ”. Se l’arma non e’ carica al concorrente non verra’ assegnata penalita’. Se l’arma E’ carica il concorrente verra’ squalificato dal match.

Durante il caricamento e lo scaricamento, lo svolgimento dell’esercizio, e la risoluzione di eventuali inceppamenti, la volata della pistola deve SEMPRE essere rivolta verso il parapalle frontale. Qualora la volata dell’arma dovesse essere rivolta indietro oltre il limite laterale della linea di tiro (180° rispetto allo shooting-box) al concorrente verra’ chiesto di scaricare l’arma e lo stesso verra’ squalificato dal match.

Al termine di una string, nessun concorrente puo’ lasciare la sua posizione fino a che l’arma e’ stata scaricata, controllata e dichiarata scarica dal Range Officer. A quel punto l’arma verra’ messa in fondina o riposta in una custodia.

Qualora non si riuscisse a scaricare l’arma a causa di rottura o blocco di un meccanismo interno, il tiratore avvisera’ il Range Officer. In nessun caso il concorrente lascera’ la linea di tiro con un’arma carica.

Durante la competizione i concorrenti si asterranno dal maneggiare le loro armi, ad eccezione di quando sotto il controllo di un’Ufficiale di gara, o nelle aree appositamente designate (fumblezone).

A causa della natura e delle necessita’ specifiche della Challenge dynamic, non e’ consentita l’estrazione da porto occulto.

Qualora un’arma dovesse cadere a terra durante un’esercizio, il concorrente non potra’ raccoglierla, ma lascera’ che se ne occupi un Range Officer. A quel punto l’Ufficiale di Gara scarichera’ e ispezionera’ l’arma.

VIOLAZIONI DELLA SICUREZZA:

Le seguenti violazioni dovranno essere sanzionate con la squalifica:

• puntare la pistola indietro (oltrepassando la linea dei 180°);

• lasciar cadere un’arma carica

• abbandonare la linea di tiro con un’arma carica

• qualsiasi colpo accidentale, incluso: colpo accidentale durante le operazioni di caricamento, scaricamento, ricaricamento, abbattimento del cane, qualsiasi colpo sparato al di fuori di unastring cronometrata, e qualsiasi colpo sparato fuori dei confini del campo (oltre i parapalle);

• raccogliere un’arma caduta a terra senza la supervisione di un’Ufficiale di gara

• qualsiasi sparo accidentale in fondina, oppure a terra entro un raggio di 10 piedi (3,04 mt.) attorno al concorrente

• maneggio insicuro di un’arma carica

• concorrente sotto l’influenza di sostanze proibite (alcool o droghe).

Le seguenti violazioni potranno essere sanzionate con la squalifica:

• ogni comportamento o azione anti-sportiva che interferisce direttamente o indirettamente con la prestazione di un’altro concorrente;

• qualsiasi parola o gesto irrispettoso rivolto nei confronti di un’Ufficiale di gara Le persone che sono state squalificate non possono sparare durante il prosieguo del Match. Tuttavia i risultati completi ottenuti fino a quel momento saranno ritenuti validi ai fini della classifica.

Bersagli: tutti i bersagli sono verniciati di bianco e saranno ri-verniciati prima che il concorrente inizi la prima string di ciascun esercizio. Tutti i bersagli rotondi sono alti 5 piedi (1,52 mt.) dalla sommita’ del bersaglio fino a terra, e tutti i bersagli rettangolari (piastre) sono alti 5,6 piedi (1,70 mt.) dalla sommita’ del bersaglio fino a terra (rispetto allo stesso piano sul quale si trova

lo shooting-box). Le misure di tutte le specifiche e le misure per l’allestimento degli

stage vanno arrotondate al minimo possibile.

Dotazioni di sicurezza: sono necessarie protezioni ottiche e auricolari per tutti i tiratori e gli spettatori.

Chiunque non indossi occhiali e protezioni auricolari sara’ invitato ad abbandonare l’area di tiro.

Situazioni di parita’: qualora dovesse verificarsi una situazione di parita’ per il primo posto in qualunque stage, verra’ considerata la singola string migliore di quello stesso stage per dirimere detta parita’. Qualora ulteriormente necessario, verra’ considerata come discriminante anche la seconda o la terza migliore string del medesimo stage. Qualora dovesse verificarsi una situazione di parita’ in classifica assoluta (Overall Event) per dirimerla verra’ considerato il punteggio dello stage “Speed-Option”

Rottura o malfunzionamento dell’attrezzatura: dev’essere utilizzata per l’intera durata del match la stessa arma, fondina e posizione della fondina. Se si verifica un problema tecnico, puo’ essere utilizzata come rimpiazzo attrezzatura di fabbricazione e modello similare. Sia l’arma che la fondina devono comunque rispondere ai requisiti e alle prescrizioni della medesima divisione di appartenenza. Qualora l’equipaggiamento di rimpiazzo non dovesse soddisfare questi stessi requisiti e prescrizioni, il tiratore non potra’ piu’ concorrere per la classifica di divisione ma solo per quella generale del Match. In caso di malfunzionamento, la string dell’esercizio sara’ conteggiata e verra’ data al concorrente la possibilita’ di ritirarsi momentaneamente per riparare o rimpiazzare l’attrezzatura prima di riprendere l’esercizio. Il gruppo non dovra’ essere fermato, e verra’ fatto seguire il tiratore successivo.

Trasporto munizioni: i concorrenti devono presentarsi sulla linea di tiro con un numero adeguato di caricatori, lunette, e munizioni, tale da non arrecare ritardi ingiustificati (i tiratori in Single Action comprensibilmente necessiteranno di maggior tempo per ricaricare). Un concorrente puo’ avere un’assistente che lo aiuti a ricaricare, se ritenuto necessario.

Ritardi alla partenza: nell’interesse di tutti e’ essenziale trovare un punto di equilibrio tra la necessita’ del singolo concorrente di prepararsi adeguatamente, e la quantita’ di tempo a disposizione di tutti nell’arco della giornata. La tua cooperazione sara’ apprezzata sia dal Match-Staff che da tutti gli altri concorrenti.

ABBIGLIAMENTO APPROPRIATO:

Non e’ consentito l’uso d’indumenti offensivi o discutibili. In particolar modo NON SARANNO AMMESSI indumenti para-militari, o con scritte e/o slogan polemici. Il personale militare in servizio attivo in uniforme e’ esentato da tale prescrizione. Il Match Director sara’ l’autorita’ finale nel merito di quale tipo di abbigliamento autorizzare. Chiunque vesta nel modo suddetto verra’ invitato a lasciare il campo di tiro.

Nell’ambito del Match, i concorrenti potranno gareggiare in uno o piu’ eventi, ma con calibri diversi.

Nell’ambito di ciascun evento sono disponibili premi addizionali di divisione (Standard, Open, Production, Revolver), di categoria (Master, Expert, Novice) e di stage. I concorrenti possono partecipare piu’ volte allo stesso evento, ma solo in divisioni diverse.

EVENTO PRINCIPALE (Main Event):

Aperto a qualsiasi pistola che spara in cal.9 mm/38 special o calibri maggiori (vedere “MUNIZIONI” piu’ sopra). Questo evento ha diverse divisioni di equipaggiamento, qui di seguito indicate:

Revolver:

Revolver di qualsiasi tipo con mire metalliche, non ha restrizioni riguardo il numero massimo di colpi e lunghezza della canna massima di 6 pollici

Production:

Qualsiasi pistola semiautomatica in doppia azione.

Open:

Qualsiasi pistola semiautomatica che non ha restrizioni riguardo il numero massimo di colpi e l’uso di ottiche.

Standard:

Questa divisione include qualsiasi pistola con mire metalliche priva di compensatore o dispositivi ottici. Singola azione.

CATEGORIE DI PERSONE:

Le categorie di persone possono essere contemplate nell’ambito di ogni Match.

CATEGORIA LADY:

Donne.

CATEGORIA JUNIOR:

Si qualificano tali tutti i concorrenti di eta’ compresa tra i 10 e i 17 anni alla data del match. Tutti i

concorrenti al di sotto dei 18 anni di eta’ devono essere accompagnati durante la competizione da un genitore o da un tutore legale. Se il genitore/tutore legale gareggia a sua volta, egli deve essere

inserito in squadra insieme al minore. Tutti gli Junior o i concorrenti pre-adolescenti devono essere

tiratori competenti e devono aver gia’ gareggiato in competizioni formali. Essi devono firmare insieme al genitore o al tutore legale un’esonero di responsabilita’ a favore dell’organizzazione.

CATEGORIA SENIOR:

Si qualificano tali tutti i concorrenti di eta’ compresa tra i 60 e i 70 anni alla data del match.

CATEGORIA SUPER-SENIOR:

Si qualificano tali tutti i concorrenti dai 70 anni in su, alla data del match.

CATEGORIE DI ABILITA’:

Le categorie di abilità (master, expert, novice) vengono assegnate in base alla classificazione ottenuta sul campo riferendosi alle gare disputate con la soc. ATS, tenendo comunque conto anche delle gare disputate con altri enti o società.

I nuovi iscritti, per poter testare le abilità per essere meglio valutati e classificati, verranno impegnati in stage di prova a discrezione della direzione.